19 e 20 maggio 2018 - tM Festival 2018
Antichi Forni - Asilo Ricci - Palazzo Buonaccorsi - CreaHub - Palazzo Conventati
MACERATA

Banchi d'assaggio - Laboratori di degustazione - Mostra fotografica "Io pure sarò vigna" - Cuochi di campagna - The Wine Lab - San Severino Blues Festival - Macerata racconta



Mostra fotografica "Io pure sarò vigna"
di Hassan Badreddine



“Io pure sarò vigna, e per il torchio sarà colto il mio frutto,
e come vino sarò tenuto in botti eterne.”
(Gibran Khalil Gibran) - poeta, pittore e aforista libanese 1883_1931)

Venti opere d’arte fotografano l’essenza della terra. La natura, i particolari del paesaggio marchigiano diventano immagini poetiche universali grazie all’occhio di Hassan Badreddine. Lo stretto legame uomo-terra che ispira tali immagini è alla base della filosofia e delle pratiche di Terroir Marche: rispettare la terra è rispettare l’umanità, nelle sue diversità e nei suoi frutti originali autoctoni.

MOSTRA
30 aprile - 17 giugno | ore 10-18 (chiuso il lunedì)
Palazzo Buonaccorsi - via Don Minzoni, 24
Inaugurazione Vernissage: Lunedì 30 aprile ore 17:30, in collaborazione con Macerata Racconta
Ingresso unico alla mostra e al festival Terroir Marche: 13 euro

Mercoledì 9 maggio @ Auditorium Svoboda - Accademia di Belle Arti (via Berardi)
ore 15
"La mia amicizia con il Maestro Mario Giacomelli"
Conferenza di Hassan Badreddine
Incontro con gli studenti, aperto ai cittadini

Hassan Badreddine
Nato a Casablanca nel 1964. In Italia dal 1989, vive e lavora ad Ancona. Attraverso la fotografia reinterpreta la natura proponendo una versione del paesaggio di astrazione poetica struggente. Fotografo essenzialmente lirico, dotato di grande potenza evocativa, pone l'uomo al centro dei suoi interessi, con tutto il suo carico di sofferenza ma anche di esplosioni mistiche gioviali e felici. Hassan, rappresentato da Photo Italia, ha esposto in diverse città italiane e straniere, i suoi lavori sono stati pubblicati su riviste e giornali nazionali, su "Photo Italia”, Book “Collezioni", la Repubblica, “Dove”, “Gentleman", "Carnet", "Bell'Italia", internazionali come "Tel Quel”, "Le Matin", "Al Bayane ".

“Le immagini di struggente bellezza dell’archeologo delle ricordanze Hassan, illuminate dalla lunarità del suo sguardo, adombrano improvvise accensioni di forme e di speranze, di nuove innocenze. Un’eco visiva al mondo poetico di Mario Giacomelli destinata a lasciare una traccia indelebile.”
(Paolo Biagetti)

“Terra è madre…
come noi stessi che siamo natura e ne facciamo parte.
L’attimo è lì in un fascio di luce,
ma è solo un punto che serve per ripartire.”
(Hassan Badreddine)


GRAZIE AL CONTRIBUTO DI:

CON IL PATROCINIO DI:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti che si utilizzino i cookie.